Luoghi02 aprile 2019

La villa urbana di Herţa e il mistero del treno scomparso

Tra gli edifici più belli del centro storico di Chișinău, in attesa di una corretta gestione turistica

La villa urbana di Herţa e il mistero del treno scomparso

Casa Herţa è caratterizzata da un’architettura eclettica a cavallo tra barocco ed estetica classica in cui la composizione della facciata è regolata da volumi simmetrici, forme complesse e ritmiche, abbondantemente decorata con rilievi scolpiti.

La villa urbana di Vladimir Herţa, progettata dell’architetto austriaco Henrich von Lonsky, in pieno centro cittadino, è presente nel registro dei monumenti storici e culturali di importanza nazionale: l’edificio è sorto su un preesistente manufatto costruito intorno al 1830 su strada Aleksandrovskaia, oggi Ștefan cel Mare.

Acquistato nel 1845 da Iorgu Bals, che lo donò in seguito ad un orfanotrofio che prese il suo nome, l’immobile fu ricostruito, dopo l’acquisto avvenuto nel 1903, da Vladimir Herţa, avvocato e uomo politico, primo sindaco di Chişinău dopo la Grande Unione del 1918.

Diversi anni dopo la morte di Herţa, la casa venne adibita a Pinacoteca di Chișinău, nata il 26 novembre 1939 per merito dello scultore Alexandru Plămădeală (autore della statua di Ștefan cel Mare, davanti al Parco pubblico di Ștefan cel Mare) con altri artisti: è la prima istituzione museale orientata a raccogliere, conservare e divulgare opere d'arte in Moldova.

Il direttore della Pinacoteca fu il pittore Auguste Baillayre, professore alla Scuola di Belle Arti di Chișinău: al momento della sua fondazione, il museo possedeva circa 160 opere perlopiù di artisti romeni e moldavi.

Nell'autunno del 1940, dopo l’annessione della Bessarabia all’U.R.S.S., la Pinacoteca di Chișinău fu riorganizzata nel Museo di Belle Arti della RSSM (Republica Sovietică Socialistă Moldovenească): proprio durante la seconda guerra mondiale, precisamente nel 1941, avvenne qualcosa che segnerà la storia di questo museo.

Per precauzione contro eventuali bombardamenti, e per mettere in sicurezza le opere d’arte presenti nell’edificio, venne deciso di trasferire il materiale artistico in un luogo più sicuro. Le opere vennero accuratamente preparate e in gran segreto caricate su due vagoni ferroviari, meticolosamente sigillati, che partirono dalla stazione ferroviaria di Chișinău per essere trasferiti a Kharkiv (Ucraina): da allora, purtroppo, non esiste nessuna notizia a tale proposito e nessuno che sappia qualcosa sulla loro sorte, scomparendo da quel momento nel nulla senza lasciare traccia.

Dopo la guerra, il fondo del museo venne ricostituito con opere trasferite dai musei dell’URSS (Galeria Tretiakov, Muzeul Ermitaj), come segno di "aiuto fraterno". Dopo la ripresa delle attività, il Museo continuerà a soddisfare funzioni specifiche: raccolta, conservazione e valorizzazione del patrimonio artistico e culturale per lo studio, l’istruzione e la ricreazione.

Casa Herţa fa parte dei tre edifici del Museo Nazionale di Arte della Moldova insieme a Casa Kligman e all'edificio dell'ex ginnasio per ragazze fondato dalla principessa Natalia Dadiani, ubicato in Strada 31 August.

Dal 1988 la sede della Casa Museo Herţa è stata chiusa per restauro e le opere trasferite nel Museo Nazionale di Arte per la conservazione del patrimonio.

Nonostante l’importanza architettonica dell’edificio, e un restauro malamente eseguito, Casa Herţa rimane un monumento pregevole, parte della Chişinău storica: attualmente il monumento si trova da anni in stato di abbandono, fuori da ogni programmazione turistica, a causa della miopia di tecnici e di logiche politiche poco comprensibili.

Carlo Policano

Ultime news

venerdì 11 ottobre
Il Monastero di Voroneț, la Cappella Sistina d’Oriente – Parte II
In Bucovina, un miracolo in mezzo alla foresta, un luogo magico. E poi l’azzurro
venerdì 04 ottobre
Il Monastero di Voroneț, la Cappella Sistina d’Oriente – Parte I
Quell’insolito raggruppamento di monasteri patrimonio Unesco in Bucovina
venerdì 20 settembre
Il Delta del Danubio, paradiso naturale unico al mondo
Il fiume più internazionale del pianeta: dal cuore dell'Europa al Mar Nero
martedì 10 settembre
Destini incrociati: le case gemelle
C’è un mistero che si nasconde dietro a questi edifici, ancora da scoprire
martedì 03 settembre
La Chiesa di Orhei, il fascino di un’opera suggestiva
La singolarità di un monumento nel panorama dell’architettura sovietica
venerdì 16 agosto
La Chiesa di Pohrebea, un gioiello abbandonato
Una delle dodici chiese che lo zar avrebbe dovuto costruire ai confini dell’Impero
martedì 13 agosto
La stazione ferroviaria di Chișinău
Invito al viaggio: scoprire la Moldova con la lentezza del treno
venerdì 02 agosto
Gli eremi di Orheiul Vechi
Nei luoghi più suggestivi e pittoreschi della Moldova, tra natura e spiritualità
martedì 30 luglio
La Transnistria e quel sottile filo che la lega all’Italia
Tra ricordi nostalgici e consumismo: cosa è cambiato nell’ultima frontiera sovietica
martedì 23 luglio
La catastrofe di Chernobyl
Con gli occhi di Pavel Nică, testimone scomodo del regime comunista sovietico
International editions:   Italiano | English | Russian | Română