Luoghi16 aprile 2019

Bardar, terra di tulipani in Moldova

Storie, piccole curiosità e follie per il fiore più amato in Olanda

Bardar, terra di tulipani in Moldova

Nei primi decenni del Seicento, l’Olanda era il Paese più ricco del mondo: qui il botanico francese Charles de L’Ècluse introdusse, via Vienna, alcuni bulbi di tulipani, fiore coltivato in Turchia, che attrasse con la bellezza e la vivacità dei colori la ricca borghesia urbana.

Nel corso di pochi anni i tulipani divennero veri e propri strumenti finanziari fino a divenire uno status symbol: avere in casa un vaso di tulipani era come possedere preziose ceramiche o raffinati tappeti orientali.

Persone di ogni ceto convertirono le loro proprietà in denaro per investirlo in fiori: c’erano fiori per tutte le tasche, per i mercanti più ricchi e per gli artigiani più modesti. Nel 1623 un bulbo poteva arrivare a costare 1000 fiorini olandesi, lo stipendio annuo di un lavoratore specializzato era di 150 fiorini, una tonnellata di burro valeva 100 fiorini mentre 12 pecore equivalevano alla cifra di 120 fiorini.

Quello che rimane dell’ondata di follia sono una casa nel centro di Amsterdam venduta per tre bulbi di tulipano scolpiti sopra la porta d’ingresso e una fiorente fabbrica di birra barattata per un singolo bulbo della varietà Tulipe Brasserie

In un atto notarile si legge che un contadino per un bulbo chiamato Viceré pagò otto maiali, quattro buoi, dodici pecore, grano, segale, due botti di vino, quattro barili di birra, due barilotti di burro, mille libbre di formaggio, un letto completo di accessori, un calice d’argento e un vestito, per un valore totale di 2500 fiorini.

La situazione era ormai sfuggita di mano e la bolla dei tulipani causò il primo crack finanziario dovuto alla speculazione su un bene: una vera e propria follia che ha causato danni finanziari per molti mercanti o borghesi che hanno cercato di arricchirsi grazie alla speculazione sul prezzo dei bulbi.

La passione per il tulipano rimase intatta: il fiore divenne l’emblema dell’Olanda. Ad oggi esistono oltre 100 specie di tulipani disponibili. Nel linguaggio dei fiori, il tulipano è visto come una dichiarazione d'amore e pare che il suo nome derivi dalla parola turca tülbend che indica il turbante. C’è inoltre un significato spirituale: in persiano, tulipano si dice lale, parola che scritta in arabo ha le stesse lettere di Allah.

Anche in Moldova, precisamente nel villaggio di Bardar, nella regione di Ialoveni, al primo caldo della stagione, è possibile visitare una bella piantagione di tulipani che si estende su una superficie di oltre due ettari, che fornisce circa un milione di tulipani per anno.

Grazie al microclima unico di questa regione, i tulipani fioriscono all’inizio di aprile e possono essere ammirati per circa due settimane: inizialmente sono di un colore tendente al giallo, ma in breve tempo, i raggi del sole ne mutano l’aspetto. Durante il giorno i fiori si aprono per consentire l’impollinazione mostrando all’interno un colore più intenso, per attrarre maggiormente gli insetti.

Attualmente sono coltivate approssimativamente 80 specie di tulipani: qui possono essere ammirate anche circa 30 specie di culture primaverili, quali giacinti, narcisi, bucaneve, iris e molti altri fiori più comuni e rari, come i fiori di loto.

La particolarità di piantagione è una specie che è stata creata qui, unica al mondo, dopo vari tentativi e incroci, che è stata chiamata “Bardar”, in onore del paese dove si trova: è un tulipano dalla forma inconsueta di semicoppa, con bordo giallo che va a sfumare man mano nel bianco.

Questa piantagione, ad oggi, è l’unica in tutta la Moldova: è visitata da centinaia di turisti e visitatori che rimangono sbalorditi dalla varietà dei colori e dalla sorprendente bellezza di quest’oasi di fiori.

Carlo Policano

Ultime news

martedì 03 dicembre
Il Parco Centrale di Chişinău
Il parco più antico progettato e organizzato in modo classico della capitale
martedì 05 novembre
Stolniceni, sulle tracce dei geto-daci
Un insediamento che presenta un mistero ancora da risolvere
venerdì 25 ottobre
Una cavità da Guinness
E’ situata tra la Moldova e l’Ucraina la terza grotta più grande d’Europa
venerdì 11 ottobre
Il Monastero di Voroneț, la Cappella Sistina d’Oriente – Parte II
In Bucovina, un miracolo in mezzo alla foresta, un luogo magico. E poi l’azzurro
venerdì 04 ottobre
Il Monastero di Voroneț, la Cappella Sistina d’Oriente – Parte I
Quell’insolito raggruppamento di monasteri patrimonio Unesco in Bucovina
venerdì 20 settembre
Il Delta del Danubio, paradiso naturale unico al mondo
Il fiume più internazionale del pianeta: dal cuore dell'Europa al Mar Nero
martedì 10 settembre
Destini incrociati: le case gemelle
C’è un mistero che si nasconde dietro a questi edifici, ancora da scoprire
martedì 03 settembre
La Chiesa di Orhei, il fascino di un’opera suggestiva
La singolarità di un monumento nel panorama dell’architettura sovietica
venerdì 16 agosto
La Chiesa di Pohrebea, un gioiello abbandonato
Una delle dodici chiese che lo zar avrebbe dovuto costruire ai confini dell’Impero
martedì 13 agosto
La stazione ferroviaria di Chișinău
Invito al viaggio: scoprire la Moldova con la lentezza del treno

IMPERIALTRANSILVANIA - TOURISM, BUSINESS AND CULTURE IN THE LANDS OF DRACULA

International editions:   Italiano | English | Russian | Română