Luoghi03 maggio 2019

Il cuore nascosto degli Armeni – Parte I

Una comunità importante che ha lasciato tracce nello sviluppo della Moldova

Il cuore nascosto degli Armeni – Parte I

Nonostante alcuni tentativi di dimostrare che gli armeni popolarono stabilmente la Moldova fin dall’XI secolo, le prime tracce di una loro presenza continuativa e significativa risalgono alla seconda metà del XIII secolo.

Da quella data in poi, gli armeni svilupparono un’articolata attività mercantile che li portò inevitabilmente a interagire in maniera ancora più fitta con tutta l’area del Mar Nero e in particolar modo con la Crimea e quindi con il centro genovese di Caffa, che a partire dal XIV secolo, ha rappresentato uno degli snodi principali nel commercio con l’Oriente.

In Moldova, gli armeni giunsero spinti da circostanze politiche, militari ed economiche, ritrovandosi a rivivere le tensioni religiose condivise dai loro compatrioti sparsi in altre parti del mondo.

Seppero tuttavia ambientarsi e prosperare, senza lasciarsi logorare da divisioni interne, almeno fino al XV secolo, quando divennero una comunità importante dal punto di vista economico e culturale.

La Moldova, posizionata sulla rotta commerciale tra il bacino del Mar Nero e l’Europa occidentale e orientale, divenne in quel periodo una zona interessante per lo sviluppo dei rapporti economici.

Grazie ai privilegi ottenuti da Alexandru cel Bun, come l'esenzione dai dazi doganali e tributi, gli armeni, ottenuto il diritto di commerciare e praticare l'artigianato in sette città della Moldova, divennero tra le comunità più importanti dal punto di vista numerico e finanziario, contribuendo a rilanciare il sistema economico del loro nuovo Paese d'adozione.

Nei secoli XV-XVII, quindi, il commercio interno ed esterno della Moldova era concentrato nelle mani degli armeni, che usavano le posizioni degli insediamenti in cui erano presenti per costituire le nuove rotte di transito internazionali tra Polonia, Germania, Russia e Mar Nero.

Oltre agli scambi commerciali, gli Armeni in Moldova iniziarono a produrre materie prime che altrimenti avrebbero dovuto importare e, con la zootecnia, cominciarono la redditizia attività di esportazione.

Gli Armeni, che si stabilirono nello spazio tra Prut e Nistru durante tutto il secolo XIX, giocarono un ruolo non trascurabile nella storia della Bessarabia: praticando il commercio contribuirono non solo allo sviluppo economico, rafforzando i legami commerciali con le altre regioni, ma svolsero soprattutto un ruolo decisivo per quanto riguarda l'urbanizzazione della regione.

Divennero in breve proprietari di abitazioni, negozi, enormi vigneti e frutteti, e commercianti di prodotti alimentari e di beni preziosi.

Quasi tutte le carovane commerciali in quel periodo erano gestite perlopiù da commercianti armeni: pur essendo un'occupazione particolarmente rischiosa, gli armeni godevano di legami familiari sparsi su tutte le rotte mercantili e del vantaggio di conoscere molte lingue, incrementando di fatto questo tipo di attività con successo e con grandi vantaggi economici.

Gli armeni attualmente presenti in Moldova si aggirano intorno alle 3.000 unità, principalmente distribuiti tra Chişinău, Bălţi e Tighina (Bender), integrati nella vita sociale e nel sistema economico.

Carlo Policano

Ultime news

venerdì 11 ottobre
Il Monastero di Voroneț, la Cappella Sistina d’Oriente – Parte II
In Bucovina, un miracolo in mezzo alla foresta, un luogo magico. E poi l’azzurro
venerdì 04 ottobre
Il Monastero di Voroneț, la Cappella Sistina d’Oriente – Parte I
Quell’insolito raggruppamento di monasteri patrimonio Unesco in Bucovina
venerdì 20 settembre
Il Delta del Danubio, paradiso naturale unico al mondo
Il fiume più internazionale del pianeta: dal cuore dell'Europa al Mar Nero
martedì 10 settembre
Destini incrociati: le case gemelle
C’è un mistero che si nasconde dietro a questi edifici, ancora da scoprire
martedì 03 settembre
La Chiesa di Orhei, il fascino di un’opera suggestiva
La singolarità di un monumento nel panorama dell’architettura sovietica
venerdì 16 agosto
La Chiesa di Pohrebea, un gioiello abbandonato
Una delle dodici chiese che lo zar avrebbe dovuto costruire ai confini dell’Impero
martedì 13 agosto
La stazione ferroviaria di Chișinău
Invito al viaggio: scoprire la Moldova con la lentezza del treno
venerdì 02 agosto
Gli eremi di Orheiul Vechi
Nei luoghi più suggestivi e pittoreschi della Moldova, tra natura e spiritualità
martedì 30 luglio
La Transnistria e quel sottile filo che la lega all’Italia
Tra ricordi nostalgici e consumismo: cosa è cambiato nell’ultima frontiera sovietica
martedì 23 luglio
La catastrofe di Chernobyl
Con gli occhi di Pavel Nică, testimone scomodo del regime comunista sovietico
International editions:   Italiano | English | Russian | Română