Economia e turismo27 dicembre 2022

Quali rimedi adottare in caso di indigestione dopo il pranzo di Natale?

Quali rimedi adottare in caso di indigestione dopo il pranzo di Natale?

Foie gras, salmone affumicato, salumi, tacchino ripieno, panettone, torrone e cioccolato, sono alimenti natalizi tradizionalmente ricchi di calorie che possono causare una indigestione. Un pasto davvero pesante, assommato a stress ed emotività si traduce in una cattiva digestione con segni ben noti: sensazione di pesantezza, bruciore di stomaco, mancanza di appetito e l'impressione diffusa "di non star bene".

Cos'è l'indigestione
L'indigestione è un'indisposizione temporanea causata da una digestione anormale, spesso è un'intolleranza gastrica (allo stomaco). Nel linguaggio popolare a volte si parla di “attacco di fegato”, ma è piuttosto un abuso di linguaggio, perché il fegato non viene spesso colpito.
Chiamata anche dispepsia (termine medico), l'indigestione di solito si verifica dopo un pasto.
L'indigestione si manifesta spesso con mal di stomaco, fastidio allo stomaco, bruciore allo stomaco, nausea o sensazione di gonfiore con talvolta anche eruttazione. Da un punto di vista medico, l'indigestione non è una malattia ma un insieme di sintomi.

Sintomi
La persona che soffre di indigestione soffre di dolori poco definiti e sgradevoli ad orari imprecisi, localizzati soprattutto nella parte superiore dell'addome (pancia), in particolare nello stomaco. Questo disagio può durare per un tempo della giornata e può dissiparsi dopo il riposo in posizione sdraiata. Anche la presenza di una quantità significativa di gas (gonfiore) nella pancia è tra i segni premonitori di indigestione. Il gonfiore è spesso accompagnato da eruttazione.

Altri sintomi di indigestione possono essere:
– Sensazione di sazietà durante il pasto, anche prima di aver finito di mangiare
– Spiacevole sensazione di sazietà dopo i pasti. Questa sensazione dura più a lungo che in uno stato normale
– Bruciore di stomaco e reflusso acido nell'esofago
– Nausea e vomito

Nei casi più gravi, l'indigestione può manifestarsi con:
– Vomito incessante (e nausea), in alcuni casi si può osservare del sangue nel vomito
mal di testa da febbre – Febbre
– Carnagione pallida e debolezza generale del corpo
– Improvvisa perdita di peso
– Feci nere
- Mal di testa
– Difficoltà a deglutire, che può peggiorare nel tempo
– Difficoltà a respirare, sudorazione eccessiva e dolore

In generale, questi sintomi, talvolta gravi, sono sintomi di altre malattie (es. pancreatite, infiammazione della cistifellea). Il paziente dovrebbe quindi consultare un medico.

Alcuni rimedi semplici ma efficaci se non è un'indigestione grave
A seconda della gravità dell'indigestione, i rimedi non saranno gli stessi. Se si tratta di una piccola indigestione temporanea, gli impacchi caldi sullo stomaco sono un'ottima soluzione. Sdraiati e bevi anche il tè alla menta. Dovresti avere sempre a portata di mano una bottiglietta di alcol alla menta: poche gocce su una zolletta di zucchero, possono essere di conforto. Un'altra soluzione si è dimostrata valida, durante gli eccessi più gravi e per un sollievo quasi immediato: mescolare in 1 bicchiere abbondante di acqua tiepida il succo di mezzo limone e 1 cucchiaio di bicarbonato di sodio, mescolare bene e bere immediatamente. Questa bevanda può essere assunta anche prima di un pasto che si preannuncia ricco: avrà il pregio di prevenire allo stesso tempo il rischio di indigestione. Ma non è un motivo per esagerare!

Un po' di dieta
Non mangiare nulla di solido per un'intera giornata, e bere molta acqua o tisane digestive, può far  superare allegramente gli effetti nefasti di un pasto troppo lauto. Attenzione però a non prolungare troppo a lungo questa dieta e riprendere con una piccola dieta, a base di brodo vegetale, petto di pollo e composta di mele.

Ricordati di bere lontano dai pasti
Quando beviamo lontano dai pasti, il liquido non rimane nello stomaco. Quando si beve molto durante il pasto, si aumenta il volume della massa alimentare, che ha l'effetto di diluire i succhi gastrici. Da qui l'evidente vantaggio di bere moderatamente mentre si mangia, ma al contrario di bere pesantemente fuori dai pasti.

Una buona tisana digestiva
Preparazione: Mescolare quantità uguali di assenzio, angelica, centaurea, finocchio, melissa e menta; versare 1 cucchiaino in una tazza di acqua bollente e lasciare in infusione per 10 minuti.

Quali sono invece, i medicinali consigliati in caso di indigestione?
Il team della Farmacia Cavalieri in caso di un'indigestione lieve consiglia dei farmaci antiacidi come il Maalox® o il Gaviscon® che impediscono la risalita degli acidi e/o neutralizzano l'acidità dello stomaco. Per forme più gravi è sempre meglio rivolgersi al proprio medico.

Ultime news

International editions:   Italiano | English | Russian | Română