Tradizioni e cultura06 agosto 2019

Plăcintă, non solo cibo

Come le parole, nel linguaggio quotidiano, possono perdere la connotazione originaria

Plăcintă, non solo cibo

Un modo di dire è un’espressione grammaticalmente anomala, una frase che si discosta dal significato letterale di ciascuna delle singole parti che la compongono.

Quando un’affermazione ha un significato letterale, ogni parola viene considerata nel suo senso più consueto o elementare. Ma non è questo il caso di gran parte delle espressioni idiomatiche: la maggior parte di esse possiede un senso figurato utilizzato nella nostra comunicazione quotidiana.

Ci sono alcuni “modi di dire” tipici della lingua romena che, a differenza dei proverbi che hanno un significato compiuto, non esprimono saggezza popolare e non hanno un significato profondo o morale, ma che sono, comunque, molto utilizzati soprattutto nel linguaggio parlato, informale e colloquiale.

Poche parole, nel vocabolario romeno, hanno la fortuna di essere evocate in tante situazioni come nel caso della plăcintă, sia quando si tratta di una piccola pietanza che in varie altre situazioni.

I dizionari definiscono la plăcintă come una pietanza composta da sfoglie e ripieno, sottoposta a cottura e consumata calda o fredda.

È difficile immaginare un consumatore moldavo a cui non piaccia questa prelibatezza: è una pietanza legata alla vita della comunità, presente dappertutto, dalla sfera familiare a quella commerciale (negozi tradizionali, ristoranti, agriturismi) che diventano punti di diffusione nel territorio e veicolo turistico.

I significati figurativi utilizzati in nome della tradizionale plăcintă moldava per comunicare idee più o meno nascoste su caratteristiche, personaggi e azioni umane, sono molto numerose. 8Riportiamo, come esempio, alcuni modi di dire:

A aștepta (pe cineva) cu plăcinte calde (tr. lett.: aspettare “qualcuno” con le plăcinte calde) assume il significato di “aspettare qualcuno con grande gioia”.

A găsi plăcinta gata (tr. lett.: trovare la plăcinta pronta) prende il significato di “sfruttare il lavoro altrui, sfruttare l’occasione”.

A număra foile la plăcintă (tr. lett.: contare le sfoglie della plăcinta) - “esaminare qualcosa con eccessiva pedanteria, cercandone i minimi difetti, anche sottilizzare, in genere polemizzare”.

A sta ca o plăcintă (tr. lett.: stare come una plăcinta) – si dice di persona passiva, indecisa, priva di energia, di coraggio o forza.

A-i veni (sau a-i pregăti) cuiva o plăcintă (tr. lett.: vieni che ti ho preparato una plăcinta) significa “venire (o preparare a qualcuno) una sorpresa spiacevole, una sventura”.

Încă nu s-a copt plăcinta (tr. lett.: la plăcinta ancora non è cotta) significa che “ancora non è il tuo momento”.

La plăcinte mulți se adună (tr. lett.: la plăcinta raduna molti) – va nel senso di “cercare solo vantaggi facili, senza faticare”.

Nu se mănâncă în fiecare zi plăcinte (tr. lett.: non si mangia tutti i giorni le plăcinte) vuol dire “non è festa tutti i giorni”.

Se vinde ca plăcinta caldă (tr. lett.: si vende come una plăcinta calda) prende il significato di “si vende con grande facilità”.

Carlo Policano

Ultime news

martedì 01 ottobre
Il patrimonio scomparso: la Spada di Ştefan cel Mare
In quale museo si trova la spada originale del difensore della cristianità?
venerdì 27 settembre
Il mio grosso grasso matrimonio moldavo – Parte II
Non spaventatevi, in fondo è solo una grande festa
martedì 24 settembre
Il mio grosso grasso matrimonio moldavo – Parte I
Non spaventatevi, in fondo è solo una grande festa
martedì 17 settembre
venerdì 13 settembre
martedì 27 agosto
Moldova, vera Indipendenza?
A ventotto anni dalla nascita di questa nuova Repubblica
venerdì 09 agosto
Chișinău, l’idea di Carol Schmidt
Uomini e storie d’altri tempi, quando la politica era al servizio della gente
martedì 16 luglio
I sanatori: vita quotidiana nei luoghi della cura del corpo
Le ferie ai tempi dell’URSS – Parte II
venerdì 12 luglio
Le ferie ai tempi dell’URSS – Parte I
I sanatori: la via socialista alla cura del corpo, luoghi ancora oggi molto frequentati
martedì 02 luglio
Stefan cel Mare, l’Athleta di Cristo – Parte II
Sotto la protezione di Venezia e di Roma, fu il primo sovrano moldavo a stabilire rapporti...
International editions:   Italiano | English | Russian | Română